Detenuto evade dall’ospedale, catturato

Preso tre ore dopo dagli stessi agenti di polizia penitenziaria ai quali era stato affidato in custodia in ospedale ed ai quali era sfuggito, che per le ricerche hanno usato le loro automobili private

CATANIA. Stamattina un detenuto di 30 anni, T.B., è evaso dal Pronto Soccorso dell'Ospedale Garibaldi di Catania, dove si trovava provvisoriamente per delle cure, ma è stato catturato circa tre ore dopo dagli stessi agenti di polizia penitenziaria ai quali era stato affidato in custodia in ospedale ed ai quali era sfuggito, che per le ricerche hanno usato le loro automobili private.
Lo ha reso noto il vice segretario generale dell'Osapp Mimmo Nicotra, aggiungendo che l'uomo "era custodito solamente da due agenti di polizia penitenziaria". Il detenuto, proveniente dal carcere di Piazza Lanza, dove è recluso per reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti, ha chiesto di andare in bagno e ha strattonato con violenza l'unico agente che lo tratteneva, per darsi immediatamente alla fuga.
"Nell'immediatezza - continua Nicotra - è stato dato l'allarme per l'evasione ed il comandante del reparto del carcere di Bicocca, coadiuvato da un ispettore, hanno avviato le ricerche per la cattura dell'evaso impiegando le poche risorse disponibili ed anche le autovetture private del personale del corpo impiegato nelle ricerche".
"Questi episodi - afferma Nicotra - sono figli delle inadeguate risorse umane ed economiche che in nome della spending review la polizia penitenziaria è costretta a dover affrontare. Inoltre episodi del genere sarebbero altresì evitabili se per i detenuti fosse disponibile un adeguato reparto detentivo ospedaliero invece che le normali corsie degli ospedali cittadini".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X