Scuole, «edifici sicuri»: da spendere sette milioni

Comune, i progetti interessano 21 istituti. Il finanziamento arriva dall'Unione europea

CATANIA. Sette milioni e 350 mila euro per la riqualificazione di 21 scuole catanesi. Il finanziamento arriva dell’Ue su richiesta del ministero dell’Istruzione, che nel giugno 2010 ha approntato il bando Pon Fesr nel quale ha trovato accoglimento la proposta complessiva inoltrata dal Servizio manutenzione della direzione Lavori pubblici del Comune. In base ai programmi e alle scadenze imposte dalle linee guida del Pon, tutti gli interventi dovranno essere realizzati entro il prossimo anno. I 21 edifici scolastici interessati sono: De Amicis, Rapisardi, Campanella-Sturzo, Corridoni Meucci, Petrarca, Musco, Brancati, Malerba Recupero Capponi, D'Annunzio Don Dilani, Diaz-Manzoni, San Giorgio, Caronda, Montessori-Mascagni, Vespucci-Capuana-Pirandello, Pestalozzi, XX Settembre, Da Feltre, Pizzigoni e De Roberto. «In base alle scadenze del Miur - dice l'assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Marletta - l’ufficio comunale procederà all'espletamento delle attività finalizzate alla realizzazione della fase esecutiva dei progetti, con priorità per gli interventi alla messa in sicurezza degli edifici».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X