Maglietta Pro Speziale, il giocatore: "Chiedo scusa alla vedova di Raciti"

Il calciatore del Cosenza ha voluto così chiedere scusa a tutti per il suo gesto di sabato scorso quando, dopo un gol, ha esibito una maglia con la scritta «Speziale innocente» per solidarietà al tifoso del Catania condannato ad otto anni di reclusione per la morte dell'ispettore Filippo Raciti

CATANIA. Voglio chiedere scusa a tutti ma quel gesto era soltanto per la famiglia di Speziale che sta vivendo ore drammatiche dopo l'arresto del figlio. Chiedo scusa alla vedova Raciti, chiedo scusa alla polizia, ma io non volevo offendere nessuno». Capelli arruffati, volto teso, Pietro Arcidiacono si è presentato ai giornalisti accompagnato dall'avvocato Aristide Leonetti, in una saletta dell'Hotel Royal di Cosenza gremita di telecamere.

Il calciatore del Cosenza ha voluto così chiedere scusa a tutti per il suo gesto di sabato scorso quando, dopo un gol, ha esibito una maglia con la scritta «Speziale innocente» per solidarietà al tifoso del Catania condannato ad otto anni di reclusione per la morte dell'ispettore Filippo Raciti. «Nessuno - ha aggiunto Arcidiacono - sapeva niente, la società, i miei compagni, lo staff tecnico. Nessuno sapeva niente e mi prendo tutte le mie responsabilità».  «Il mio gesto - ha concluso singhiozzando - voleva essere un gesto di conforto per la famiglia Speziale. Io conosco il ragazzo perchè è un ragazzo del mio quartiere».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X