Mafia, assalto a una ditta confiscata: un fermo

I mezzi rubati sono stati quasi tutti recuperati. Fermato Andrea Emanuele Orfanò, di 23 anni, indagato per concorso in rapina aggravata. L'azienda rapinata, l'Ecoplanet, è ritenuta in uso a esponenti del clan Santapaola-Ercolano
Catania, Archivio

CATANIA. Una persona fermata e quasi tutti i mezzi rapinati recuperati. E' il bilancio dell'operazione della squadra mobile di Catania sull'assalto, avvenuto il 26 novembre scorso, all'azienda di conferimento e trattamento di inerti Ecoplanet, confiscata nel 2007 perché ritenuta in uso a esponenti del clan Santapaola-Ercolano.

Il fermato è Andrea Emanuele Orfanò, di 23 anni, indagato per concorso in rapina aggravata. Alla sua identificazione la polizia è giunta grazie alla collaborazione del reparto operativo dei carabinieri del comando provinciale e al coordinamento della Dda della Procura di Catania.

I mezzi rubati sono stati trovati in un vasto piazzale adibito a luogo di sosta di mezzi pesanti alla periferia di Paternò di proprietà del fermato. Sono tre autocarri Daimlerchrysler privi di targhe, due mini escavatori, una pinza idraulica e un martello demolitore. Mancano due mezzi pesanti.

La Ecoplanet, riconducibile a Emanuele Gaetano Caruso, 45 anni, accusato di appartenere all'associazione mafiosa Santapaola-Ercolano, è stata confiscata il 24 gennaio del 2007 dalla terza sezione penale della Corte di appello. I mezzi, che erano stati rubati da un commando di una decina di persone che ha sequestrato i custodi della Ecoplanet, sono stati riconsegnati al liquidatore della società.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X