Catanese rapito in Sicilia, Procura di Roma apre un fascicolo

Accertamenti sul sequestro dell’ingegnere Mario Belluomo, dipendente dall'acciaieria Hmisho
Catania, Archivio

ROMA. La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sul sequestro dell'ingegnere italiano avvenuto in Siria. Il professionista, Mario Belluomo, è originario di Catania e dipendente dall'acciaieria Hmisho. In base a quanto ricostruito dalle autorità locali l'uomo è stato rapito nell'area di Tartus, una città costiera a nord di Damasco. Il procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, responsabile del pool antiterrorismo, coordinerà gli accertamenti del Ros dei carabinieri e della Digos.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X