Sciopero degli avvocati in difesa delle Sezioni

Lo ha deciso l'assemblea dei penalisti e civilisti dei comuni di Paternò, Adrano, Bronte, Belpasso, Mascalucia, Giarre e Acireale
Catania, Archivio

CATANIA. Una giornata di sciopero degli avvocati per chiedere la proroga di 5 anni della chiusura delle 7 sezioni staccate del Tribunale di Catania. Lo ha deciso l'assemblea dei penalisti e civilisti dei comuni di Paternò, Adrano, Bronte, Belpasso, Mascalucia, Giarre e Acireale, che operano nelle sezioni staccate, riunitasi al Palazzo di giustizia di Paternò. A presiedere l’assise Salvatore Asero Milazzo, presidente dell'associazione forense di Paternò; presente l'assessore comunale agli Affari legali Flavia Indaco e il deputato Salvo Torrisi, della commissione Giustizia della Camera.
L'assemblea degli avvocati ha deciso di nominare una commissione per organizzare e dare esecuzione alla volontà dell'assemblea, prendendo contatti con le forze sociali, economiche e politiche dei comuni interessati alla chiusura delle sezioni del Tribunale. "Nel corso della giornata di sciopero previsto un incontro per discutere dei problemi della giustizia locale - si legge nel documento approvato dall'assemblea - e per formulare proposte da avanzare agli organimi competenti, al fine di sensibilizzarli a chiedere l’auspicata proroga della chiusura e una migliore organizzazione della giustizia nelle sezioni staccate".
L’assessore Flavia Indaco ha fatto sapere che il Comune sostiene la battaglia degli avvocati e per tale motivo ha confermato l’autorizzazione a mettere a disposizione degli uffici giudiziari gli attuali locali. O.C.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X