Paternò, gli diede fuoco: muore in ospedale per le gravi ustioni

Martedì scorso a Paternò, il 36enne, Antonino Marino, aveva cosparso di benzina Antonino Marco Castro procurandogli ustioni sul 95% del corpo. La causa sarebbe da collegare a dissidi tra i due, l'accusa diventa di omicidio volontario aggravato
Catania, Archivio

CATANIA. E' morto nell'Ospedale Civico di Palermo Antonino Marco Castro, di 25 anni, al quale martedì scorso a Paternò, il 36enne cugino, Antonino Marino, aveva dato fuoco dopo averlo cosparso di benzina. Il movente sarebbe da collegare a dissidi tra i due: Castro,
che abitava l'appartamento sovrastante quello del cugino, era accusato da Marino di essere troppo rumoroso. Castro, che aveva riportato ustioni sul 95% del corpo, era stato trasportato in ospedale in elicottero. Marino è stato arrestato da carabinieri ed è ancora piantonato dai militari nell'ospedale di Paternò, dove è ricoverato per ustioni sul 15% sul corpo.


La Procura di Catania ha disposto il cambio di imputazione nei confronti di Marino, contestandogli non più il tentato omicidio, ma l'omicidio volontario aggravato. La modifica dell'accusa avverrà oggi davanti al Gip di Catania, durante l'udienza di convalida dell'arresto. Le indagini della compagnia di Paternò e del reparto operativo dei carabinieri del comando provinciale etneo sono coordinate dal sostituto procuratore di Catania, Marisa Scavo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X