Catania, danneggiata la sede dell'Arcigay dopo un raid vandalico

CATANIA. Ignoti vandali la notte scorsa a  Catania hanno danneggiato l'ingresso della sede dell'Arcigay di  via Vittorio Emanuele, orinando davanti al portone e rompendo  l'insegna con l'arcobaleno che lo sovrastava. Durante  l'incursione, che è stata denunciata alla polizia, è stata  anche rotta l'asta della bandiera dell'Associazione nazionale  partigiani italiani (Anpi), ospitata nella stessa sede, ed è  stata rubata la bandiera stessa. Lo rende noto la stessa Arcigay  nel suo sito web.      «Non è certo un'insegna rotta - scrive Arcigay - che ci  impedirà di proseguire le nostre lotte e i nostri percorsi di  costruzione di una politica differente e di una cultura  dell'alterità e di avere uno spazio di libertà, di  affermazione, di testimonianza, dove ciascuno di noi possa  partecipare attivamente, ideare, programmare e confrontarsi: uno  spazio dedicato alla lotta all'omo-transfobia, alla prevenzione  e sensibilizzazione sulle infezioni sessualmente trasmissibili,  all'accoglienza dei migranti e a molto altro ancora, dove  ciascuno/a possa vivere la propria vita, il proprio corpo e il  proprio sè».     «Per questo - conclude Arcigay - noi continuiamo!  Sostituiremo l'insegna con una ancora più bella e  ripristineremo la bandiera dei compagni e delle compagne  dell'Anpi».  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X