Catania, "I lidi arrancano: sole e crisi alla Playa"

Catania, Archivio

CATANIA. Alle porte di settembre, qualche ombrellone già finisce in deposito. E ai lidi della Playa si tirano le somme di una stagione che, comunque vada, è stata un successo: «Se pensate a cosa hanno sofferto i nostri colleghi nel centro-nord Italia a causa del maltempo, dobbiamo proprio essere felici», esclama Ignazio Ragusa. Proprietario del «Lido Polifemo» e presidente regionale dell’organizzazione di categoria «Sib-Confcommercio», ma soprattutto esponente di una famiglia di imprenditori che hanno fatto la storia e le fortune del litorale ionico-etneo, Ragusa preferisce sorridere e conservare la propria carica di ottimismo. Non nasconde, però, le difficoltà di una crisi che ha inferto molti colpi bassi all’industria delle vacanze: «Prima eravamo una macchina che camminava in discesa, adesso siamo in salita. Arranchiamo. E bisogna spingere perchè la macchina continui a procedere». Giusto così, anche solo in considerazione del peso occupazionale di questo comparto: «I lidi balneari catanesi assicurano mille, mille 500 posti di lavoro — sottolinea l’imprenditore — Questo dato, peraltro, non tiene conto dell’indotto che è davvero notevole. Pensate, ad esempio, a quanti si occupano di animazione».



ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI CATANIA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X