Mercato del Pino a Catania
Comune in campo contro il degrado

Durante il sopralluogo i consiglieri hanno scoperto un’area adiacente al mercato del Pino utilizzata da molti extracomunitari come dormitorio e vespasiano a cielo aperto

CATANIA. Strappare il mercato del Pino dall’attuale stato di abbandono e degrado, «rianimare» via Ventimiglia. La commissione Attività produttive s’è intestata questa «sfida al degrado», sollecitata dai commercianti di una zona del centro cittadino «che — esclama Gianni Coppola, titolare di un bar tra i più noti nel quartiere e tenace protagonista di tante battaglie civili — è stata troppo a lungo penalizzata». Ludovico Balsamo, impegnato ieri mattina con gli altri consiglieri della Sesta commissione in un sopralluogo nelle aree comunali del Pino che fino a due anni fa ospitavano un mercatino dell’antiquariato, risponde all’appello: «La nostra idea è di aprire qui, al più presto, una fiera domenicale dell'artigianato. Sarebbe anche un modo per differenziare l’offerta, considerato che nella stessa giornata si tengono già in altre parti di Catania due mercatini delle pulci e due del contadino. Siamo sicuri che il sindaco Enzo Bianco e l'assessore Angela Mazzola raccoglieranno il nostro suggerimento emanando un bando nel più breve tempo possibile». A sollecitare la giunta, anche il capogruppo del Megafono Daniele Bottino: «Al sindaco, prima della campagna elettorale, avevo chiesto di valorizzare queste aree organizzando anche un incontro con gli operatori del Pino. Vista la scelta dell' amministrazione di spostare il mercatino dell'antiquariato al Porto e quello dell'usato a San Giuseppe La Rena, abbiamo l’obbligo di assicurare al più presto il rilancio di aree nel cuore di Catania che sono ormai discariche di rifiuti e spazi di ritrovo per senzatetto. Inutile dire che le condizioni igienico-sanitarie sono pietose». Spiega ancora il presidente della commissione Attività produttive, Balsamo: «Ci siamo riuniti al Pino per verificare sul posto le condizioni in cui si trovano due terreni del Comune che sono inutilizzati dall'amministrazione già da quasi un anno e mezzo. Con la nostra proposta vogliamo rivalutare la zona accontentando i commercianti e i residenti che, nonostante si trovino a due passi da una delle poche aree mercatali della nostra città, vedono il loro territorio abbandonato». La commissione — composta anche da Andrea Barresi, Gianni D’Avola, Rosario Gelsomino, Antonino Manara, Giovanni Marletta, Maurizio Mirenda, Carmelo Nicotra, Elena Adriana Ragusa e Carmelo Sgroi — s’è pure «accorta» di un terreno privato, sempre nella zona del Pino, che è a dir poco malmessa. Afferma Ludovico Balsamo: «Ci stiamo attivando per rintracciare e mettere in mora il proprietario di un’area abbandonata che è adiacente al mercato. È, in pratica, utilizzata da molti extracomunitari come dormitorio e vespasiano a cielo aperto. Un paio di volte, peraltro, si sono anche verificati incendi che hanno creato disagi, paura, danni agli abitanti del quartiere».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X