IL CASO

Catania, dipendenti del teatro Bellini protestano sul tetto

I dipendenti per "protestare contro il mancato rinnovo del contratto di lavoro", hanno da oggi deciso di "iniziare lo sciopero della fame"

CATANIA. I lavoratori stagionali del 'Bellini' di Catania, da due giorni sul tetto del teatro per "protestare contro il mancato rinnovo del contratto di lavoro", hanno da oggi deciso di "iniziare lo sciopero della fame". "Non abbiamo i soldi per mangiare", dice uno dei manifestanti che sono ancora sul tetto del teatro.

Dopo aver tentato in diversi modi di far sentire la propria voce, dando vita anche nei mesi scorsi ad iniziative analoghe, 28 operai regionali del teatro Massimo Bellini sono saliti qualche giorno fa sul tetto per chiedere la stabilizzazione del loro contratto di lavoro. "Ci occupiamo della manutenzione delle attrezzature e del teatro stesso, ma il nostro lavoro non è mai stato continuativo. Dopo anni di promesse e rinvii, stavolta la Regione non ha dato il via libera ai rinnovi contrattuali perchè le risorse disponibili non sono sufficienti".

Lo scorso luglio il  Gup di Catania, Rosalba Recupido, ha rinviato a giudizio per truffa di 80 persone, tra dipendenti e 'stagionalì del teatro. I reati sarebbero stati commessi nelle attestazioni sullo straordinario, dal 2007 al luglio 2009, e per l'uso scorretto, nel 2011, di badge di entrata e uscita accertato con telecamere nascoste della guardia di finanza. Alcuni indagati avrebbero ricevuto il pagamento di straordinari mentre erano in malattia, ricoverati in ospedale o assenti per recupero ore.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X