Saverio Raimondo sbarca a Catania: porto sul palco me stesso

CATANIA. Saverio Raimondo inaugura il nuovo anno tornando in Sicilia dopo il grande successo del suo primo mini tour nazionale in giro per l’ltalia che, da Milano a Palermo, ha registrato sempre il tutto esaurito.

Attualmente impegnato all'interno del programma “notturno” di Repubblica Webnotte, reduce dal successo estivo su Radio2 con Stand Up, dei suoi editoriali satirici su La Gabbia di La7 e dopo essersi distinto nel programma televisivo Stand Up Comedy su Comedy Central di Sky - la seconda stagione è prevista per febbraio 2015, Saverio Raimondo è soprattutto “l'unico stand up comedian italiano che sembra vero”. La dimensione live è quella dove ancora oggi si può conoscere e apprezzare al meglio la sua comicità e la sua satira.

Ecco perché Saverio Raimondo, ha intrapreso il suo (mini) tour nazionale attraverso 10 date live, partite da Bologna e conclusesi in dicembre a Roma (con tre date al Comedy Central Cocktail Club, il comedy club diretto dallo stesso Raimondo e che è un po' la sua casa artistica). Al centro del suo percorso, il mini tour è approdato a Milano e a Bergamo. Le location scelte sono sempre state piccoli club, che offrono la giusta atmosfera per uno show di stand up comedy come quello di Raimondo: una comicità “unplugged”, acustica, per un pubblico adulto.

A Catania in un Teatro – il ridotto dello Stabile di Catania, l’Angelo Musco - nel suo show di stand up comedy Saverio miscela un cocktail unico in Italia, di satira, comicità surreale, gag demenziali, ironia, paradossi, provocazioni e oscenità, nel suo tipico stile e umorismo “americano”. Porta sul palco sé stesso (un satiro dei tempi moderni ossessionato dal sesso, dal cibo e dal proprio corpo), le sue storie (sulla sua infanzia, sulla sua vita privata, sulla sua paura di volare) e il suo punto di vista (sulla democrazia, sulla privacy, sulla società e la razza umana); il tutto accompagnato solo da un'asta, un microfono e un po' di luce. Lui ci mette le sue battute (sul sesso, sui soldi, sulla religione); alle risate pensateci voi. Per il linguaggio e i temi trattati, si consiglia la visione dello spettacolo ad un pubblico adulto.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook