PATRONA DI CATANIA

Fede e folclore in un unico gioiello: nascono i bijoux di Sant’Agata

di
Collane con medaglioni realizzati in ceramica e ottone, orecchini che rappresentano le candelore. Si differenziano tra loro dai colori e dal modo in cui sono adornati: bandiere, fiori, corone e disegni

CATANIA. L’amore per la propria terra si dimostra in differenti modi. L’attaccamento per la città in cui si è nati è una delle principali fonti di ispirazione per poeti, cantanti e designer che decidono di far diventare la propria arte mezzo per far conoscere al mondo intero le bellezze che li circondano dalla nascita. Un posto particolare nel cuore occupa da sempre la Santa protettrice della propria città. Tra le feste religiose più imponenti del mondo c’è la festa dedicata alla patrona della città di Catania, Sant’Agata. La storia narra che la giovane fu perseguitata dopo aver rifiutato il governatore romano Quinziano, perché aveva deciso di consacrare la sua vita alla religione cristiana, e fu martirizzata il 5 febbraio del 251.

La città festeggia la propria «Santuzza»tra il 3 e il 5 febbraio, mescolando fede e folklore siciliano. E proprio a Sant’Agata il designer Nicola Sigillo ha deciso di dedicare un’intera collezione di gioielli, un modo diverso ed unico per renderle omaggio. «Il culto della Santa è molto forte in città e dal 3 al 5 febbraio Catania si ferma per offrire alla sua patrona, Sant'Agata, una festa straordinaria che può essere paragonata alla settimana Santa di Siviglia o al Corpus Domini di Cuzco in Perù – dichiara il fondatore di Nicodesign -. In quei tre giorni la città dimentica ogni cosa per concentrarsi sulla festa, misto di devozione e di folklore, che attira ogni anno fino ad un milione di persone, tra devoti e curiosi. Fede e devozione si fondono e si trovano nei nuovi bijoux che ho realizzato in onore alla patrona della mia città. Il forte sentimento di profonda ammirazione che mi ha spinto a dar vita alla collezione è facilmente riconoscibile in ogni catanese che ama e venera la patrona della città».

Una collezione formata da ex voto, cuori che da sempre vengono posti nei santuari per ringraziare il destinatario del dono d’aver esaudito una preghiera, e da gioielli che rappresentano la candelora dei rinoti e la candelora dei panettieri. Questi ultimi sono realizzati in ceramica decorata con base in ottone, così come i medaglioni, mentre la patrona Sant'Agata è totalmente in ceramica. La patrona di Catania è al centro anche della nuova collezione di Isola Bella che ha realizzato «I gioielli di Sant’Agata». La special collection del famoso brand siciliano è formata da una collana e quattro paia di orecchini. Gli orecchini rappresentano le candelore, le imponenti colonne di legno scolpite dalla superficie dorata che custodiscono un grosso cero votivo per la Santa, che può essere sia di cera che di plastica. I bijoux si differenziano tra di loro soprattutto per il modo in cui sono adornati: bandiere, fiori, corone e preziosi disegni, e di conseguenza dai differenti colori che spiccano. La collana, invece, rappresenta il busto della santa, che contiene parte delle reliquie ed è portato in processione sul fercolo. Realizzato nel XIV secolo, è interamente d’argento ed è ricoperto da più di trecento gioielli ed ex voto in pietre preziose, alcuni dei quali donati da celebri personaggi storici. Un grande valore affettivo per la città di Catania, dichiarato inestimabile.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X