"SCARFACE"

Racket a Catania, in 17 finiscono a processo

di
Il gup ha accettato le richieste del pm

CATANIA. Su richiesta dei pm Iole Boscarino e Andrea Bonomo il gup Francesco D'Arrigo ha rinviato a giudizio il boss latitante Sebastiano "Nuccio" Mazzei, capo della cosca dei Carcagnusi, il luogotenente della Guardia di Finanza, originario di Palermo, Francesco Caccamo, Gaetano Cantarella, Francesco Ivano, William Alfonso e Klizia Cerbo, Monica Ciravolo, Cirino Antonio D'Assero, Michele e Gabriele Santi Di Grazia, Letteria Di Paola, Angelo Finocchiaro, Rosario Guarnaccia, Massimo Ippolito, Carmelo Panebianco, Lucio Stella e Luigi Zennaro.

I reati contestati a vario titolo sono di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, bancarotta e intestazione fittizia. Il gup, accogliendo nella totalità le richieste che erano state avanzate dai sostituti procuratori, ha disposto il rinvio per i 17 imputati; tutti erano rimasti coinvolti, insieme ad altri 4 finanzieri, nell'inchiesta: Scarface, condotta dalla Guardia di Ff inanza etneadi Catania , dal Servizio centrale di investigazione della criminalità organizzata di Roma e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia etnea catanese . L'operazione è nata da una costola dell'indagine: " Reset", che nel novembre 2013 ha smantellato il clan della stazione appartenente alla famiglia Santapaola.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook