DECRETO

Plaia di Catania, via libera della Regione al piano di riqualificazione

Approvata la variante al Prg riguardante il Piano urbanistico attuativo (Pua) 'Catania Sud'

CATANIA. L'assessorato regionale Territorio e Ambiente ha emesso il Decreto con cui viene approvata la variante al Prg riguardante il Piano urbanistico attuativo (Pua) 'Catania Sud'. Lo rende noto il sindaco Enzo Bianco ricordando che si è così conclusa dopo oltre 15 anni l'iter avviato da lui stesso avviato per «valorizzare il litorale della Plaia una delle più importanti scommesse sul futuro della città che avrà importanti ricadute in termini di richiamo turistico edeconomico».

Il decreto riconferma sostanzialmente l'impostazione della giunta Bianco, che aveva recepito le osservazioni del Comitato regionale urbanistica, proposta nella seduta del consiglio comunale del 21 ottobre scorso prevedendo infrastrutture e servizi a bassa densità ricettiva nell'ottica di una riqualificazione eco compatibile della Plaia, attraverso la realizzazione di un sistema integrato di fruizione del litorale sabbioso, un parco costiero, impianti sportivi, un grande centro polifunzionale, verde urbano e parcheggi.

«Finalmente - ha sottolineato il sindaco - possiamo parlare al passato delle vicissitudini che il Pua ha dovuto affrontare negli anni e non posso che prendere atto con soddisfazione che la Regione ha approvato il Piano da noi portato avanti recependo una parte significativa delle osservazioni avanzate da ordini professionali, organizzazioni no profit e associazioni ambientaliste e soprattutto impedendo che nell'area nascesse un nuovo centro commerciale. Una grande occasione per la nostra città - ha aggiunto Bianco - che va sfruttata al meglio per un rilancio di un'ampia fetta del nostro territorio in cui sono piantate opportunità di lavoro e di sviluppo che auspichiamo quanto prima germoglino».

«Dopo l'approvazione del Piano da parte della Regione adesso tocca ai privati - ha concluso il sindaco Bianco- con cui occorre lavorare con grande sinergia e collaborazione. Attueremo un rigido protocollo per la legalità da stipulare con il Prefetto, poichè precondizione assoluta per noi è il rispetto delle leggi e delle regole di trasparenza sia sulle procedure che verranno seguite sia sui fondi che saranno investiti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook