SERIE B

Il Catania torna subito in campo per evitare i play-out

di

CATANIA. La quasi salvezza raggiunta a 48 punti, dopo la striscia di cinque vittorie consecutive e poi la perdita dell'ultimo treno utile per i play off, hanno provocato quello che è successo nelle ultime giornate: prima senso di appagamento, poi mancanza di motivazioni. Il risultato: la necessità d'inseguire fin oltre il 90' dell'ultima giornata la certezza della permanenza in serie B.

 

Niente male per una squadra che, secondo le previsioni di agosto, avrebbe dovuto ammazzare il campionato. È andata diversamente: il campionato ha rischiato di ammazzare il Catania, lasciando sul terreno due allenatori, un preparatore atletico e una decina di calciatori sbolognati in ritardo. Non è servita neanche la rivoluzione di gennaio, tentativo coraggioso ma tardivo della società di rimettere sulla corsia giusta una stagione iniziata male, proseguita peggio e, si spera, conclusa senza ulteriori danni. L'umiliante prestazione contro il Cittadella di sabato scorso, conclusa con la vittoria in extremis degli ospiti, tecnicamente distanti anni luce dai rossazzurri, in ritiro «punitivo», ma sembrerebbe tutt'altro che rigido, ha rinviato all'ultima giornata il destino del Catania.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X