L'INCHIESTA

Caso Catania, la rabbia di Malagò: "Siamo alla follia"

CATANIA. «Mi sembra che siamo arrivati alla pura follia, nel vero senso della parola. La giustizia sportiva, al di là del lavoro di quella ordinaria, deve fare un percorso urgentissimo, in grado di tirar fuori verità e sentenze in tempi brevi. Ciò per permettere un inizio regolare dei campionati: qui non si decide solo di serie B e Lega Pro ma a cascata di tutte le varie categorie». Lo ha detto, ai microfoni di Sky, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a proposito dell'inchiesta di Catania che ha scosso il mondo del calcio. soltanto una vittima. Dobbiamo tutti fare qualcosa in più: è assurdo che un valore così importante, come il calcio in Italia, venga rovinato da poche persone».

Lo ha detto, ai microfoni di Sky, Demetrio Albertini. «Sono molto dispiaciuto per quanto è successo a Catania, non giudico e non giustifico nessuno. Ma queste vicende incidono anche sotto il profilo umano. Il calcio ha subito un altro duro colpo, speravo non accadesse». Con queste parole il tecnico del Vicenza, Pasquale Marino, ha commentato l'inchiesta sul Catania che coinvolge direttamente il presidente del club rossazzurro, Antonino Pulvirenti, e l'ad Cosentino. L'allenatore marsalese, che ha già lavorato con gli etnei, era tra i candidati per la panchina della società siciliana per la prossima stagione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X