TRIBUNALE

Abuso d’ufficio a Paternò, quattro assoluzioni

di
I giudici hanno riconosciuto l’innocenza degli imprenditori Daniele, Carlo e Antonino Di Cavolo e dell’ex funzionario del Comune Francesco Alì

CATANIA. I giudici della seconda sezione della Corte d'appello di Catania hanno assolto con formula piena gli imprenditori paternesi Daniele, Carlo e Antonino Di Cavolo, nonche l'ex funzionario del comune di Paternò, Francesco Alì accusati di abuso d'ufficio e violazione edilizia. Smontata la sentenza di primo grado che aveva visto Francesco Alì condannato a 2 e 7 mesi di reclusione, per i reati di abuso d'ufficio e di violazione edilizia: per gli stessi reati furono condannati anche i fratelli Carlo e Daniele Di Cavolo con una pena di 3 anni e 2 mesi per Carlo, e 3 anni per Daniele.

Infine Antonino Di Cavolo doveva rispondere della sola violazione edilizia,con una condanna finale a 8 mesi di reclusione, pena sospesa e non iscrizione nel casellario giudiziario; condannato anche a pagare un'ammenda di l6.500 euro. Si tratta di una vicenda che si trascinava dagli anni 2007 e 2008 mentre sono stati dissequestrati anche i 4 capannoni da cui erano partite le indagini.La vicenda è quella dei capannoni di contrada Monafria di proprietà dei Di Cavolo.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X