MAFIA

Adrano, il sindaco: le vittime del pizzo denuncino

di
Il primo cittadino analizza il fenomeno delle estorsioni dopo l’inchiesta antimafia

ADRANO. Con l'operazione "Time-out" la polizia di stato del commissariato di Adrano e agenti della Squadra Mobile del capoluogo etneo, hanno decapitato i vertici della cosca mafiosa degli "Scalisi", il gruppo mafioso legato ai "Laudani- Mussi di ficurinia", dedita alle estorsioni. Sono stati accertati,attraverso le intercettazioni, almeno sette casi di estorsione, ma nessuna delle vittime avrebbe collaborato.

Una città, Adrano, che sembra essere "paurosa" e di questo ha parlato il sindaco Pippo Ferrante. "Dopo l'operazione Terra Bruciata per circa 5 anni abbiamo vissuto un periodo tranquillo; successivamente qualcuno degli arrestati, per scadenza dei termini, si è ritrovato fuori in città:di conseguenza il commerciante ci pensa due volte prima di denunciare. Da qualche settimana abbiamo avviato un dialogo con l'associazione antiracket Libera Impresa. Con il suo presidente Rosario Cunsolo dalla prossima settimana consegneremo delle lettere alle forze produttive della città in cui li invitano a denunciare perche lo Stato nelle sue svariate forme è accanto al commerciante o all'imprenditore vittima di estorsioni."

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X