COMUNE

Catania, 8 impianti in gestione ai privati

di

CATANIA. Otto impianti sportivi comunali sono adesso in cerca di gestore. Il nono, no. Quello che fu il "Palanesima" resta al suo (triste) destino, perchè i danni a piscine e palestre sono tali da scoraggiare tutti: sia il Comune, che eventuali privati. Il Consiglio, quindi, ha deciso di rinviare la delibera per questa struttura.

Tra martedì e ieri sera, invece, via libera ai regolamenti per gli altri complessi. Tra questi pure lo stadio di rugby "Benito Paolone" a Santa Maria Goretti, malgrado l'amministrazione abbia scoperto - come per Nesima - che non sarà facile, né poco oneroso rimetterlo in piedi.
A sollevare il problema era stata la commissione consiliare Sport, che aveva sollecitato all'assessore Valentina Scialfa e agli uffici comunali una stima degli interventi necessari in tutti gli edifici da "esternalizzare": oltre Nesima e Santa Maria Goretti, anche le palestre "Zurria", "Verginelle" e "XXIV Maggio", il campo di calcio in erba sintetica San Teodoro, la palestra di tennis tavolo nello stadio "Massimino", il Palagalermo e il Palanitta.

Chiarito lo "stato di salute" di questi impianti, imprenditori e federazioni sportive oltre che i club potranno chiederne l'affidamento per dieci anni: "Ma si potrà arrivare sino a venti, in considerazione degli oneri di manutenzione di cui i gestori si faranno carico", spiega il vicepresidente vicario del Consiglio comunale, Sebastiano Arcidiacono.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X