LETTERA-DENUNCIA

Catania, rappresentanti artigiani: "Sindaco, fa qualcosa contro gli abusivi"

di
Lettera-denuncia firmata dai leader delle quattro organizzazioni di settore: «Un esercito crescente di fantasmi in concorrenza sleale con le imprese oneste»

CATANIA. «La lotta all’abusivismo di mestiere è certamente una partita complessa, che le Istituzioni non dovrebbero mai smettere di giocare. A Catania purtroppo questo non avviene più».

È uno dei passaggi della lettera-denuncia che è stata inviata ieri al sindaco Enzo Bianco dal segretario provinciale Cna Andrea Milazzo e dai presidenti Upla-Clai, Confartigianato e Upia-Casartigiani Orazio Platania, Antonio Barone e Sebastiano Molino. L’iniziativa dei rappresentanti delle imprese artigiane arriva proprio quando il primo cittadino ha annunciato un’intensificazione dei controlli da parte della Polizia Municipale per combattere la «microillegalità diffusa».

Evidentemente, Andrea Milazzo e i colleghi non credono che la ”tolleranza zero” di Enzo Bianco colpirà pure «l’esercito sempre crescente di fantasmi costituito da meccanici, carrozzieri, idraulici, elettricisti, estetiste, parrucchieri e altri».

«L’abusivismo imprenditoriale — scrivono i rappresentanti delle imprese artigiane — costituisce una delle più pesanti piaghe, un nemico spavaldo che non conosce pause e limiti di espansione. In questa difficile congiuntura economica diventa sempre più arduo far accettare agli imprenditori sacrifici vecchi e nuovi senza poter garantire loro minime condizioni di legalità».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook