CATANIA

Voto di scambio, pm chiede le condanne di Lombardo e figlio

Lombardo al termine della requisitoria ha fatto dichiarazioni spontanee

CATANIA. Un anno e due mesi di reclusione sono stati chiesti per l'ex presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo; 10 mesi per il figlio Toti, attualmente deputato regionale. La richiesta è stata avanzata al termine della requisitoria dai pm Lina Trovato e Rocco Liguori durante l'udienza, tenutasi nell'ex pretura di Catania, del processo per voto di scambio per l'ex leader del Mpa e per il figlio. I due erano in aula aula assistiti dall'avvocato Salvo Pace.

Una richiesta di condanna a 10 mesi di reclusione è stata avanzata anche per gli altri tre imputati, Ernesto Privitera, Giuseppe Giuffrida e Angelo Marino, accusati nello stesso procedimento di aver beneficiato di posti di lavoro. Lombardo al termine della requisitoria ha fatto dichiarazioni spontanee e mostrato al giudice monocratico Laura Benanti un sms ricevuto da una donna di Caltagirone della quale ha reso noto solamente il nome di battesimo, Mariuccia; la signora chiedeva aiuto per un posto di lavoro all'ex presidente della Regione.

«Se ne intercettassero il contenuto - ha detto Lombardo - si tratterebbe di voto di scambio?». Il giudice Benanti ha fissato le date delle prossime udienze, che si terranno il 15 ottobre per le repliche dei difensori, e il 29 ottobre per la sentenza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook