MAFIA

Catania, sequestrati beni per 2 milioni a un esponente del clan Santapaola

Sigilli sono stati posti a quattro società operanti nel settore dell'edilizia, autoveicoli e motoveicoli e a sei tra conti correnti e depositi bancari

CATANIA. La Direzione investigativa antimafia (Dia) di Catania ha sequestrato beni per 2 milioni di euro nei confronti di Orazio Benedetto Cocimano, di 51 anni, ritenuto elemento di spessore del clan Santapaola-Ercolano. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale etneo su proposta del direttore della Dia, Nunzio Antonio Ferla.

Sigilli sono stati posti a quattro società operanti nel settore dell'edilizia, autoveicoli e motoveicoli e a sei tra conti correnti e depositi bancari. Cocimano, arrestato nel luglio 2014 dalla Squadra Mobile della Questura di Catania nell'ambito dell'operazione Ghost, secondo l'accusa dal 2009 ha iniziato la scalata alla gerarchia interna del sodalizio, divenendone il 'reggente militare' con il compito di detenere la 'cassa degli stipendi'.

Nel luglio del 2014 Cocimano era stato arrestato dalla Squadra Mobile della Questura di Catania nell'ambito dell'operazione 'Ghost' per fittizia intestazione di società operanti nel settore delle costruzioni edili per riciclare e impiegare denaro, beni o utilità di provenienza illecita. Secondo l'accusa, dopo gli arresti di Santo La Causa e Francesco Carmelo Arcidiacono, era salito ai vertici operativo dell'organizzazione mafiosa Santapaola-Ercolano diventando, alla fine del 2009 fino al 2011, reggente dell'ala militare della "famiglia", nonché detentore della "cassa degli stipendi".

Il boss La Causa, dopo avere avviato la collaborazione con la giustizia, lo ha indicato come componente del gruppo di fuoco che nel 1996 uccise Luigi Ilardo e ha rivelato che avrebbe avuto anche un ruolo nell'omicidio del rampollo di Angelo Santapaola. Gli approfonditi accertamenti patrimoniali, estesi anche al suo nucleo familiare, svolti dal personale Dia, hanno consentito di verificare la rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati, l'attività svolta e gli arricchimenti patrimoniali di Cocimano. Una ricostruzione che è stata positivamente valutata dal Tribunale di Catania che ha disposto il sequestro dei beni complessivamente stimati in oltre 2.000.000,00 di euro, beni fittiziamente intestati a prestanome e consistenti in quattro società operanti nel settore dell'edilizia, nonché autovetture, motoveicoli, conti correnti e altri rapporti finanziari in corso di quantificazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X