VIDEOGIOCHI

Dall’Atari al mitico Commodore 64: a Catania la console si fa "vintage"

di
I giocatori potranno "perdersi"tra capolavori come Pac-Man, Street Fighter, Pang e Super Mario. L’idea di tre giovani siciliani che non vogliono far perdere la memoria di un’epoca che non c’è più
computer, tecnologia, Catania, Società
I membri dell’Associazione Hackspace Catania: Riccardo Puglisi (vicepresidente), Simone Smedile (consigliere), Andrea Ardizzone (socio), Michele Maresca (socio), Emilio Messina (presidente), Massimiliano Marchese (segretario)

CATANIA. Videogiochi d'epoca e console vintage: è aperta al pubblico l'intera collezione storica. Vere e proprie pietre miliari del videogame verranno messe a disposizioni di tutti domenica 25 ottobre a Catania, in occasione del «Retrospace», un incontro firmato dall'Associazione Culturale Hackspace Catania. A disposizione di piccoli e grandi, ci sarà una selezione particolarmente curata e godibile dei giochi del tempo che fu. Un mare di pixel invaderanno Catania, con ricordi digitali che oggi possono rivivere in un evento dedicato al Retrogaming. Così, per la quarta volta, «Retrospace» regala l'opportunità di perdersi tra Pac-Mam, Street Fighter, Pang, Space invader, Sensible soccer e Prince of Persia; oppure saltare per raccogliere punti per quel gioco che, anni fa, è diventato di massa con il piccolo ma super Mario.

E poi, computer e console d'epoca per molti diventati ormai leggenda: dall'Atari al Commodore 64, dall'Amiga 600 al Super Nintendo e dal Gameboy ai veri e propri Cabinati da sala giochi. Rigorosamente tutti pezzi storici originali dell'epoca, restaurati e messi in funzione dai soci di Hackspace. Una squadra composta da tre soci fondatori che, con passione, non vogliono far perdere l'abitudine di giocare agli amanti dei videogame e dei computer vintage che, un tempo, facevano venire le lacrime agli occhi per quante ore ci si passava sopra, e oggi, in ogni caso, tirano fuori una lacrimuccia di nostalgia. Sono Emilio Messina, Riccardo Puglisi e Massimiliano Marchese i giovani che, legati dalla passione e dall'amicizia, hanno deciso di mettere una passerella di giochi capostipite, in cui elementi parziali o totali hanno influenzato lo sviluppo del mondo dei videogame.

Tuttavia, per un giro nelle strade della memoria, o di un'epoca mai vista per i nativi digitali la sede di via Grotte Bianche 112 a Catania, lascia le porte aperte il 25 ottobre dalle 20, con un ingresso totalmente gratuito.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook