OMICIDIO DI NICOLOSI

La lettera da mamma a mamma: "Con Giordana è morto anche Luca"

lettera, omicidio, Catania, Cronaca
Giordana Di Stefano e Luca Priolo

NICOLOSI. "Cara Vera, forse non mi crederai mai, ma il giorno in cui è morta Giordana è morto anche Luca e sono morta dentro io". E' l'incipit della lettera "da mamma a mamma" inviata da Antonella Martorelli, la madre di Luca Priolo assassino reo confesso di Giordana Di Stefano, alla madre della ventenne uccisa a Nicolosi, Vera Squadrito.

La missiva è stata affidata ai suoi legali, gli avvocati Sergio Di Mariano e Gaetano Agosta. Il giovane fuggito dopo il delitto, commesso il giorno in cui sarebbe dovuto comparire davanti al Gip perché imputato per stalking, è fuggito ed è stato arrestato a Milano da carabinieri su indicazioni di militari del comando provinciale di Catania. "Da quel maledetto giorno - scrive Antonella Martorelli - non riesco a darmi pace, non riesco a capire cosa ho sbagliato". "So che è difficile per te crederlo - aggiunge - ma amavo tua figlia come se fosse la mia. Ricordo ancora la scorsa settimana i nostri figli che, sereni, guardavano la tv insieme alla bambina e mai avrei potuto immaginare che di lì a qualche giorno tutto sarebbe crollato su tutti noi". "Mio figlio ha sbagliato e pagherà per quello che ha fatto - conclude Antonella Martorelli - ma la violenza prima d'ora non era mai stata nel carattere di Luca, né nei valori che gli ho trasmesso. Se ho sbagliato come madre vi chiedo perdono per il dolore immenso che state provando, un dolore che provo anche io e che non avrà mai fine".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X