POLIZIA

Rapine e furti a raffica, 5 arresti a Catania

di
In cella, tra gli altri, un incensurato che è accusato di avere messo a segno in febbraio un «colpo» da un milione e mezzo di euro in una gioielleria del centro

CATANIA. Dario Giuseppe Muntone è un «rapinatore seriale». Almeno, stando alla Procura distrettuale che ieri ha comunicato di avere disposto il fermo del trentenne catanese. È accusato di avere svaligiato il 25 febbraio un negozio in centro cittadino - bottino, 93 orologi e preziosi per un valore di un milione e mezzo - e commesso un «colpo in trasferta» da 250 mila euro, il 25 giugno a Riposto. A Muntone, che è stato bloccato da agenti della Squadra Mobile, è stato pure contestato il reato di sequestro di persona a scopo di estorsione perchè il 7 settembre avrebbe costretto il direttore di una filiale di banca a salire in auto e l’avrebbe tenuto in ostaggio sino al pagamento di 60 mila euro, prelevati da un dipendente dello stessa agenzia. «Non facili le indagini su questi episodi, poichè Muntone è un incensurato», sottolinea la Polizia.

Sempre ieri, la Questura ha diffuso la notizia della convalida di altri due provvedimenti di fermo per un furto «a conduzione familiare». Rosario Spampinato, 50 anni, e il genero Placido Privitera, 26, sono stati bloccati in flagranza dopo avere rubato da un’auto parcheggiata in via Sturzo il borsone di un rappresentante con gioielli per 50 mila euro. «Lavoro» inutile. Spampinato e il complice sono stati catturati dai poliziotti mentre stavano caricando la refurtiva sulla loro vettura distante poche decine di metri. Per la vittima, un sospiro di sollievo dopo lo smarrimento iniziale: «Stava per chiamare le forze dell’ordine — riferiscono negli uffici della Squadra Mobile — quando è stato avvicinato con suo sommo stupore e piacere dagli agenti che lo informavano del rinvenimento della borsa».

C’è, comunque, anche chi viene catturato «sul luogo del delitto». È il caso di Giuseppe Mascali, 19 anni, e Alessandro Conti, 22. Sono stati disarmati e arrestati da un poliziotto, libero dal servizio, durante un tentativo di rapina all’interno della farmacia «Librino». I due, che hanno numerosi precedenti penali, si sarebbero giustificati dicendo di «dover fare i regali di Natale alle fidanzate».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X