IL CASO

"Profanatori di tombe" a Paternò, paura al cimitero

di

PATERNO'. Amanti del macabro, la scorsa notte, hanno profanato la cappella gentilizia della nobile famiglia Cutore, realizzata sulla collina storica, nel perimentro esterno del cimitero monumentale di Paternò. A fare la macabra scoperta ieri mattina è stato il custode del camposanto, quando ha preso servizio. Il dipendente comunale ha trovato il lucchetto del cancello dell' ingresso della cappella divelto, la porta spalancata, le lapidi smontate e le tombe profanate.

Immediatamente il custode ha chiamato i carabinieri della Compagnia paternese e informato l' ufficio comunale preposto. I militari dell' Arma hanno così potuto accertare l' entità del sacrilegio. Dall' ingresso della cappella gentilizia sino ad arrivare in un «angolo buio» del cimitero, i ladri hanno disseminato le ossa trafugate da sei bare. Gli scheletri di due sarcofagli, poi, sono stati raccolti e dati alle fiamme.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook