LAVORO

Uil Catania, nel 2015 aumenta la cassa integrazione straordinaria

CATANIA. "Lo scorso anno a Catania le ore di cassa integrazione ordinaria sono scese sotto quota 1 milione, mentre la Cig straordinaria ha sfondato i 4 milioni consentendo la conquista di un poco invidiabile primato tra le province siciliane. E' il segnale di un inquietante aumento delle aziende in fase terminale, di altri posti di lavoro che stanno per andare in fumo".

Lo dichiara il segretario generale della Uil etnea Fortunato Parisi, commentando il Rapporto annuale sulla cassa integrazione diffuso dal servizio nazionale Uil politiche del lavoro e della formazione. Stando ai dati della struttura di ricerca e analisi guidata dal segretario confederale Guglielmo Loy, Catania è tra le nove province italiane in cui la Cig - ordinaria, straordinaria e in deroga - è complessivamente cresciuta: +0,9 per cento nel raffronto 2014-2015 in controtendenza rispetto al dato regionale (meno 32.8) e nazionale più 35.6.

Lo scorso anno le ore di Cigo nel nostro territorio sono state 988.753 mentre nel 2014 erano un milione 687 mila, quelle di Cigs 4 milioni 173 mila 603 a fronte di 3 milioni 457 mila dell'anno precedente. La Cassa in deroga ha invece raggiunto un totale di 572.877 contro 540.453. "Qui - continua Parisi - le cose non vanno per nulla bene e la ripresa non si vede. Noi intanto, continuiamo a chiedere inutilmente che le istituzioni politiche nazionali, regionali e comunali si confrontino con la Uil e le altre forze sindacali per garantire la spesa sociale, investire su opere pubbliche utili allo sviluppo e offrire strumenti di crescita spezzando la solita spirale di incompiute, riforme negate e strumenti urbanistici rinviati in eterno".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X