TRIBUNALE

Operazione "Vicerè" a Catania, ai «domiciliari» due avvocati

di

CATANIA. Gli avvocati Salvo Mineo e Giuseppe Bonaccorsi, coinvolti nell’operazione antimafia "Vicerè" hanno ottenuti i «domiciliari». Il Tribunale del Riesame, presieduto da Maria Grazia Vagliasindi, ha accolto la richiesta del collegio difensivo, formato dagli avvocati Salvatore Caruso e Giuseppe Gullotta per cui il legale inquisito ha lasciato il carcere di «Catania Bicocca» per raggiungere sotto scorta la propria abitazione. Salvatore Mineo resta indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, mentre il Riesame ha annullato l'ordinanza nella parte in cui il penalista viene accusato del reato di rivelazione di segreto d'ufficio.

Nelle more del procedimento, l'avvocato Salvo Mineo ha deciso di autosospendersi dal Consiglio dell’ordine degli Avvocati. La sua linea di difesa è stata quella di essere rimasto vittima del collaboratore di giustizia del clan Laudani, in quanto non lo aveva favorito in alcune sue richieste, quando il pentito era detenuto.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X