LA SENTENZA

"Assistere agli allenamenti non viola il Daspo", assolto Speziale a Catania

CATANIA. Assistere a un allenamento della propria squadra di calcio «non costituisce un reato», anche se sei sottoposto al Daspo. È quanto emerge dalla sentenza della terza sezione penale del Tribunale di Catania, in composizione monocratica, che ha assolto dall'accusa di avere violato il divieto Antonino Speziale, uno dei due ultras condannati per l'omicidio preterintenzionale dell'ispettore capo di polizia Filippo Raciti il 2 febbraio del 2007, in scontri durante il derby di calcio col Palermo allo stadio Massimino. La Procura
aveva chiesto la condanna a un anno e quattro mesi di reclusione e una multa di 15mila euro.

L'accusa riguardava la sua presenza l'8 agosto del 2010 agli allenamenti del Catania nell'impianto sportivo Torre del Grifo, in territorio di Mascalucia. Alla lettura della sentenza Speziale, che è detenuto nel carcere Ucciardone di Palermo, era presente in aula: «Ho sempre rispettato il Daspo - aveva detto al giudice - e non ho mai assistito ad alcuna partita, presentandomi regolarmente al Commissariato di Polizia, e non pensavo di violare alcuna norma giuridica andando ad assistere ai semplici allenamenti».

Per il suo legale, l'avvocato Giuseppe Lipera, «lo spirito del Daspo è prevenire scontri fra tifoserie avversarie e quindi occorre una vera e propria manifestazione sportiva: assistere ad un semplice allenamento della squadra non significa violare la legge».

«Speziale - ha aggiunto - ha subito una sentenza di condanna ingiusta torniamo a fargli credere che la Giustizia esiste in Italia anche per lui».

© Riproduzione riservata

TAG: ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook