NEL CATANESE

Picchiato per un commento non gradito su Facebook, 5 denunce a Mascali

MASCALI. Un post non gradito su Facebook a  commento di un messaggio di un amico: sarebbe stata la causa  scatenante dell'aggressione subìta la sera del maggio del 2015  da un 17enne che è stato picchiato da un gruppo di bulli.

I  cinque aggressori, quattro maschi e una femmina, di età compresa  tra i 17 e i 20 anni, tutti residenti a Mascali (Ct), sono stati  identificati e denunciati da carabinieri della compagnia di  Giarre per minacce e lesioni personali. Secondo l'accusa,  sarebbero stati loro a bloccarlo mentre passeggiava, ignaro, nel  centrale corso Italia a Riposto, nel Catanese, e poi trascinato  in un vicolo dove lo hanno colpito con calci e pugni.

Le indagini dei carabinieri della stazione di Riposto erano  state avviate dopo la denuncia della vittima. Il giovane è stato soccorso e medicato nel pronto soccorso  dell'ospedale di Acireale, dove è stato giudicato guaribile in  sette giorni per «graffi alla regione frontale ed alla spalla  sinistra, ecchimosi multiple al braccio ed alla mano destra  nonchè all'arto inferiore destro; addome trattabile dolente  all'ipocondrio destro con intenso dolore alla digitopressione  delle regione scrotale».

"La storia di bullismo che arriva dalla provincia di Catania evidenzia quanto il ruolo della Rete sia oggi centrale nella formazione dei giovani e quanto sia necessario monitorare con attenzione come i ragazzi si comportano sul web e in particolare sui social network". Lo afferma il sottosegretario alla Giustizia, Cosimo Maria Ferri, sui cinque arresti eseguiti dai carabinieri a Riposto.

"A scatenare, infatti, l'aggressione ai danni di un 17enne - aggiunge - sarebbe stato un post non gradito su Facebook a commento di un messaggio di un amico. I cinque aggressori sono stati identificati e denunciati in seguito alla denuncia della vittima. Quel ragazzo ha avuto coraggio ed e' arrivato a una prima vittoria: il suo coraggio va sostenuto. La denuncia, infatti, costituisce un elemento importante all'interno della strategia contro il bullismo e il cyberbullismo che deve essere articolata su più livelli, da quello repressivo a quello preventivo. E' importante che la presenza sulla Rete da parte dei nostri giovani sia monitorata dai genitori, che devono metterli al riparo da possibili minacce e devono educare i ragazzi al rispetto delle regole della convivenza civile: l'educazione - conclude il sottosegretario - è una risorsa strategica che va valorizzata".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X