CATANIA

Cantieri Tecnis, nuovi spiragli per i lavoratori

di

CATANIA. A meno di scossoni dal fronte Anas, che ai sindacati nazionali ha minacciato la rescissione dei contratti in corso se i cantieri non procedono secondo regolare cronoprogramma, la galassia Tecnis e il suo microcosmo di consortili, ditte subappaltanti, piccoli e grandi fornitori sembrerebbe avviarsi verso un positivo seppure lento e complesso assestamento. Ne è convinto Saverio Ruperto, l’amministratore giudiziario.

E ne sono convinti gli stessi sindacati che ieri sera, al termine di una video-conferenza sull’asse Catania-Roma (dove erano presenti i referenti nazionali di categoria), si sono detti “fiduciosi” delle azioni messe in campo dal professor Ruperto che dovrebbero garantire, nel giro di pochi giorni (forse settimane), la piena operatività dei cantieri aperti in Sicilia come in tutta l’Italia.

Il primo pagamento dell’Anas (circa 3,5 milioni di euro, cui a breve seguiranno altri) ha consentito di saldare già settembre e ottobre 2015.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X