INCHIESTA

Nuova darsena di Catania, rinviato a giudizio il direttore dei lavori

di

CATANIA. Il Gup Fabio Di Giacomo Barbagallo ha stabilito il non luogo a procedere per quattro imputati coinvolti nell’inchiesta per falso e violazioni delle leggi ambientali ipotizzati nella progettazione della nuova darsena commerciale, nel porto del capoluogo etneo, che avrebbe influito sul corso del torrente Acquicella di Catania.

Il Gup ha ipotizzato, invece, il rinvio a giudizio per il quinto accusato, però, di abusivismo edilizio. La sentenza è stata emessa davanti al Tribunale in composizione monocratica.

Le indagini erano state avviate dopo le denunce presentate da diverse associazione civiche e ambientaliste. Il Gup ha disposto il non luogo a procedere per i tecnici romani Franco Persio Boschetto, Giuseppe Marfoli e Cristina Maria Pedri, realizzatori dello studio per l’impatto ambientale; Riccardo Acernese, in qualità di legale rappresentante della Tecnis, impresa che realizzò l’opera.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X