IL RETTORE

Medico aggredito a Catania, Ateneo in campo: trasferire docenti e specializzandi

di

CATANIA. “Da candidato rettore, sto seriamente riflettendo sull’opportunità di sottrarre docenti e specializzandi dalle attività emergenziali di Pronto soccorso se non coperti da adeguata protezione nelle varie strutture integrate ospedaliere-universitarie”.

Il candidato alla poltrona di rettore dell’Ateneo catanese, Enzo Foti, dichiara senza remore la sua posizione sull’aggressione al medico del pronto soccorso dell’ospedale «Vittorio Emanuele», avvenuta la sera di Capodanno, dicendosi sconcertato dalla notizia che il medico aggredito durante il suo servizio sia stato costretto a lasciare Catania.

Il dottore aveva esercitato il dovere di riservatezza nei confronti di una paziente ricoverata, a seguito di un incidente, non fornendo le sue generalità a persone che non ne risultavano parenti.

Sarebbe scaturito da questo rifiuto il pestaggio da parte di più uomini. In manette, al momento, è finito Mauro Cappadonna. Ma sono in atto le indagini.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X