SANITA'

Sì al trasferimento del centro di riabilitazione a Bronte

di

BRONTE. Il Consiglio di Giustizia Amministrativa di Palermo con due sentenze conferma il trasferimento del centro di riabilitazione «Sant’Antonio» da Maletto a Bronte, dichiara l’illegittimità dell’originario diniego opposto dall’Asp di Catania e condanna l’Azienda a un risarcimento di circa 18 mila euro in favore del centro.

A contestare il trasferimento era stato anche l’ambulatorio società «Madonna del riparo» di Bronte, dal 1996 unica struttura privata di riabilitazione del distretto sanitario di Bronte, Maletto, Maniace e Randazzo, che nel 2012 ottiene un accreditamento retroattivo dal 2002, ma non la contrattualizzazione, perciò niente rimborsi regionali.

La società «Sant’Antonio», invece, nel 1999 nasce a Maletto, dove nel 2002 è accreditata e contrattualizzata ed eroga, fino al 2014, il servizio sanitario regionale di fisiokinesiterapia. Dall’anno dopo l’Asp, dopo un primo diniego, autorizza il trasferimento a Bronte, non essendovi in loco strutture pubbliche simili. Ed è a questo punto che la storia delle due società di “Santi” si comincia a scrivere sulla carta bollata dinnanzi a Tar, Cga e, su input del centro «Madonna del Riparo», presso la procura della repubblica di Catania, con chiamata in causa dei vertici dell’Assessorato regionale alla Sanità di Palermo e dell’Asp di Catania, per il presunto atto illegittimo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X