UN ROMENO

Randazzo, pastore ucciso dal monossido di una stufa

monossido di carbonio, pastore, randazzo, Catania, Cronaca

CATANIA. Un pastore romeno di 42 anni è morto in una casa di campagna di contrada Grotta Fumata, in territorio di Randazzo, per asfissia da monossido di carbonio. A provocare i fumi letali sarebbe stata una stufa a legna.

A trovare il corpo è stato il proprietario del locale, un pastore di Bronte. Sul posto sono intervenuti carabinieri della compagnia di Paternò e personale del 118. La Procura di Catania ha già disposto la restituzione della salma ai familiari.

Il monossido di carbonio è un gas velenoso e soprattutto molto insidioso perché non ha odore, né colore, né sapore. Quando viene respirato dall'uomo si lega all'emoglobina del sangue e intossica il corpo. L'intossicazione da monossido di carbonio conduce a uno stato di incoscienza (il cervello riceve via via meno ossigeno) e quindi alla morte per anossia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Catania: i più cliccati