Castagno, bilancio positivo a Sant'Alfio dopo il "lancio" degli 11 mila insetti

di

SANT'ALFIO. Il lavoro dei ben 11 mila insetti di Torymus, antagonisti del Cinipide Galligeno, rilasciati lo scorso mese di marzo nell'area del Castagno dei cento Cavalli e nei boschi della Cava, in contrada Magazzeni-Sallustro e nell'area nord ovest del paese di Sant'Alfio sta producendo i suoi primi effetti, visibili in modo chiaro.

L'iniziativa tende a salvaguardare e rigenerare il leggendario monumento naturale dichiarato dall'Unesco "Messaggero di Pace" e i castagni del territorio di Sant'Alfio.

L'idea è nata durante la cerimonia del nono anno del riconoscimento Unesco del 2016, per volere dell'amministrazione comunale e dell'Associazione tutela Maroni di Castione.

Nell'occasione è stato sottoscritto un protocollo d'intesa per il lancio dell'antagonista del Cinipide Galligeno al castagno dei cento cavalli, la cui effige è riportata nel logo dell'Associazione città del Castagno cui l'Associazione di Castione di Brentonico ne è membro.

Il protocollo siglato ha portato nel mese di marzo al lancio di oltre 11 mila insetti di Torymus e permettere alla pianta il normale ciclo di riproduzione e di vita vegetale.

La stima che i tecnici del Castagno hanno stabilito per ristabilizzare il ciclo naturale dell'Albero è di circa tre anni, già a partire dal 2018 però i primi frutti della lotta biologica saranno facilmente visionabili.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X