IL CASO

Brucia la porta di una chiesa a Giarre, fermato

di

GIARRE. Convinto che la causa di tutti i suoi guai fosse il proprio parroco, un quarantatreenne è stato arrestato giovedì sera dai carabinieri a Macchia di Giarre. L’uomo, di cui non sono state rivelate le generalità in considerazione delle sue instabili condizioni di salute mentale, stava per appiccare un incendio sulla porta d’ingresso della chiesa «Maria Santissima della Provvidenza».

In questo modo, voleva vendicarsi delle sue recenti disavventure: «Anche del sequestro dello scooter, eseguito da noi, riteneva responsabile il povero sacerdote”, dicono i carabinieri che sottolineano di avere bloccato il piromane “in stato di pieno delirio”. Ora, è rinchiuso nel carcere di piazza Lanza a Catania.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DELLA SICILIA ORIENTALE DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X