IL FESTIVAL

All’ombra dell’Etna sonorità africane e voci di migrazioni

di
Festival Out of Africa, Catania, Cultura
Jali Diabate

CATANIA. «Ho sempre cercato di raccontare la mia Africa attraverso la mia musica e avere la possibilità di farlo all’interno di un evento come questo che mette insieme all’arte il dibattito sulle migrazioni è davvero una grande occasione». Il musicista senegalese Jali Diabate è il direttore artistico del festival Out of Africa in programma oggi e domani a Catania.

L’artista ha ideato e organizzato, insieme a Mario Gulisano, presidente dell’Associazione Darshan e Maurizio Cuzzocrea, presidente dell’Associazione AreaSud, un format in cui oltre alla musica si darà spazio a un dibattito sull’opportunità e il valore delle migrazioni e dell’integrazione in tutti i settori.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook