INCHIESTA DOKS

Droga a Catania, per lo spaccio utilizzati i figli più piccoli dei pusher

di

CATANIA. Erano i figli più piccoli di pusher, vedette e trafficanti, che non avevano ancora compiuto neanche il decimo anno di età, ad essere impiegati per lo spaccio della marijuana a San Giovanni Galermo. È uno spaccato inquietante quello che viene fuori dall’inchiesta denominata «Doks» che a Catania ha portato all’arresto di 53 persone, con in testa Salvatore Fiore, 50 anni, e i fratelli Angelo e Arturo Mirenda, 53 e 56 anni, mentre una è ancora ricercata. I carabinieri sono riusciti a smantellare quello che dai magistrati è considerato «tra i gruppi criminali più tenuti in considerazione dal capomafia Nitto Santapaola». I bambini venivano utilizzati come schermo per eludere il controllo delle forze dell'ordine. E poi c’erano le donne che «aiutavano» gli uomini nella fiorente attività di spaccio.

L'indagine, condotta dal 2014 al 2016, che si è avvalsa delle dichiarazioni di collaboratori di giustizia, è stata avviata sulla base di intercettazioni, emerse da un procedimento del 2013 per associazione per delinquere finalizzata alle estorsioni. Dalle intercettazioni è emerso che i minorenni erano pienamente coinvolti e consapevoli dell'attività illecita e hanno sviluppato modi di fare talmente aggressivi da incutere timore ad altre persone legate allo spaccio molto più anziane.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X