Abusi su minori a Catania: "L'Arcangelo" e "l'amore purificatore" - Nomi e foto degli arrestati

CATANIA. Il rapporto sessuale non come atto fisico, ma come 'amore pulito, dall'alto, purificatore'. Era il plagio a cui sei minorenni, tre delle quali intanto diventate adulte, sarebbero state sottoposte da Piero Alfio Capuana, bancario di 75 anni in pensione, da 25 anni alla guida di una comunità laica di ispirazione cattolica che, secondo l'accusa, avrebbe violentato ragazzine di età compresa tra i 13 e 15 anni, anche con la complicità delle madri delle vittime.

E' il quadro che emerge dall'inchiesta '12 apostoli' della Procura di Catania che ha portato all'arresto di Capuana, padre di un ex assessore regionale, Daniele, estraneo alle indagini, e di tre donne poste agli arresti domiciliari: Katia Concetta Scarpignato, di 57 anni, Fabiola Raciti, di 55, e Rosaria Giuffrida, di 57.

Quest'ultime due facevano parte dei '12 apostoli' che, emerge dalla indagini della polizia postale, erano i più stretti collaboratori di Capuana nella congregazione religiosa, denominata "Associazione Cattolica Cultura ed ambiente", di Aci Bonaccorsi (CT). Alla associazione, fondata da un sacerdote, padre Cavalli, deceduto, e gestita, da anni, da Pietro Capuana, aderiscono circa 5.000 persone. Il gruppo ha un fiorente giro d'affare con la vendita di prodotti agricoli coltivati dagli stessi associati.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X