FINANZA

Estorsione e riciclaggio, sequestro da oltre 4 milioni a due fratelli nel Catanese

PALERMO.  Accusati di associazione a delinquere, usura, estorsione, rapina e riciclaggio, ai fratelli Giuseppe e Salvatore Villeggiante, di 49 e 47 anni, sono stati sequestrati stamane, dalla Guardia di finanza di Catania, beni per 4,4 milioni di euro, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale etneo, su proposta del procuratore Giuseppe Verzera. I fratelli gestiscono diverse società di commercio di auto nel Calatino e sono sotto processo per evasione fiscale dopo due indagini concluse dalla Gdf nel 2015 e nel 2016 e che riguardavano l'attività dei due fratelli a partire dal 2003.

Le Fiamme gialle avrebbero accertato un'ingiustificata sproporzione, pari a circa 2 milioni di euro, tra i redditi dichiarati dai due fratelli e dalle loro famiglie, e il totale degli investimenti da loro realizzati.

Sequestrate tre società di capitali (due concessionarie d'auto e una società immobiliare), un'azienda agricola, 52 beni immobili (28 terreni e 24 fabbricati), 190 auto e diversi rapporti bancari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X