TRAGEDIA

Denunciò la morte della moglie ma l'aveva uccisa lui, arrestato un uomo a Catania

di
Catania, Cronaca
Gaetano Barra

CATANIA. Soffoca la moglie malata con lenzuola e cuscini e poi va’ a dormire. Al risveglio chiama la sorella e decidono di allertare i soccorsi. Una tragica morte causata da una lunga malattia della donna che avrebbe estenuato il marito rimasto solo a curarla. Gaetano Barra, di 61 anni, è stato arrestato per l’omicidio della moglie dello scorso 13 agosto. La vittima è Maria Visalli, di 71 anni.

Dall’autopsia del cadavere della donna e dagli esiti delle indagini sono stati acquisti gravi indizi di colpevolezza a carico di Barra che hanno portato al suo arresto.
I fatti risalgono allo scorso 13 agosto, alle 14, la centrale operativa del 118 di Catania ha ricevuto una richiesta di intervento presso l’abitazione dei coniugi Barra in via Balduino.

Giunti sul posto, gli operatori sanitari hanno trovato il corpo della donna, privo di vita. Secondo i medici la vittima era morta almeno 6 ore prima. Inizialmente sembrava che fosse morta per cause naturali.

Gaetano Barra ha dichiarato alla polizia che la moglie si era sentita male nel corso della serata precedente e aveva la febbre alta. L’uomo ha dichiarato di aver provato a somministrarle dei farmaci, ma la moglie non li ha inghiottiti per difficoltà nella deglutizione. Secondo quanto dichiarato da Barra la donna sembrava che non respirasse bene e rigurgitasse liquido di colore scuro.

Ciò nonostante, Barra si sarebbe addormento fino all’indomani. Alle 6 si sarebbe reso conto  delle condizioni della moglie, che non respirava più, ma avrebbe deciso comunque di proseguire a dormire. Solo verso le 13,30 si sarebbe risvegliato e avrebbe contattato la sorella raccontando la situazione. La donna ha raccontato che il fratello l’ha chiamata intorno alle 14 del 13 agosto raccontandole l’accaduto. Così hanno deciso di allertare il 118.

Barra ha dichiarato di non aver chiamato i soccorsi perché si era stancato per un lungo periodo di assistenza alla moglie. Il pm della procura della Repubblica di Catania  ha disposto l’autopsia sul cadavere. I medici legali  hanno certificato che la donna potrebbe essere morta per una compressione della regione cervicale e toracica con lenzuola o coperte o un cuscino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X