COMUNE

«Bilancio consolidato» in grave ritardo, nuove ansie per i precari a Catania

di

CATANIA. Vita da precari. Sempre in bilico. Come i 181 Puc in servizio al Comune, sospesi tra speranze di stabilizzazione – i lunedì inizieranno gli orali del concorso – e ansie per i contratti a tempo determinato, in scadenza e legati alla rapida approvazione del cosiddetto «bilancio consolidato».

Ovvero, di un consuntivo dell’ente che comprende pure i conti delle partecipate. Questa delibera, però, non è arrivata ancora neppure in Giunta: «Siamo in ritardo, ma ciò è dovuto al fatto che alcune aziende (riferimento ad Asec e Sidra, ndr) hanno approvato solo adesso i loro bilanci», afferma Salvo Andò, assessore alle Politiche finanziarie. «Il termine – spiega l’esponente dell’amministrazione cittadina – era fissato per luglio, ma non bisogna dimenticare che questo adempimento rappresenta una novità assoluta per tutti gli enti locali

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X