DIA

Catania, confiscato il patrimonio al presunto boss Rosta

di

CATANIA. Due anni fa, in giugno, la fine di una latitanza durata mesi. Adesso, la confisca di un patrimonio da 700 mila euro. Così «tramonta» un presunto boss, il settantaquattrenne Francesco Rosta: «Un personaggio ai vertici della famiglia mafiosa Ragaglia di Randazzo, collegata ai Laudani», dicono gli agenti della Dia che ieri hanno eseguito il provvedimento disposto dai giudici della Sezione Misure di Prevenzione. Tra i beni diventati proprietà dello Stato, la «Agricola Bovini dell’Etna S.a.s. di Rosta Giuseppe». L’elenco si completa con tre appezzamenti di terreno e un fabbricato, un’auto, due conti correnti e altrettanti depositi a risparmio.

Rosta era riuscito a sfuggire alla cattura nel novembre 2014, quando era scattata un’operazione contro la cosca Ragaglia. Filiale dei «muss’i ficurinia» nella zona di Randazzo. Il ricercato era stato catturato dai carabinieri a Licata, appena uscito da un supermercato dove aveva fatto la spesa.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X