L'OPERAZIONE

Sequestrata un'altra cava in provincia di Catania, il Noe a Mascali

MASCALI. Un cava che i carabinieri ritengono "gestita senza alcun genere di autorizzazione ed in maniera totalmente abusiva" è stata sequestrata da militari del Noe a Mascali. Il provvedimento riguarda l'intera area, di circa 40.000 mq., di proprietà della "Impresa Siciliana Cave e Lavori Frantumazione Pietre Laviche" operante nel settore di estrazione e frantumazione di materiale basaltico lavico.

E' il quarto sequestro del genere eseguito dai carabinieri del Noe a Mascali. Anche in questo caso è stato accertato che l'intera area dove veniva condotta l'attività di estrazione abusiva, pari a circa 10.000 mq, già ampiamente sfruttata, ricade sulla zona sottoposta a vincolo paesaggistico, esistente sin dall'anno 1991 su tutta il comprensorio interessato dalla colata lavica dell'Etna del 1928. Il valore del sequestro è stimato in oltre un milione di euro. La titolare ed il gestore di fatto dell'azienda sono stati denunciati alla Procura di Catania per la violazione di numerosi reati ambientali e di estrazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X