CARABINIERI

Bruciavano le auto per noia, due giovani denunciati a Paternò

di

PATERNÒ. Bruciavano le vetture per noia. Solo per il sadico gusto di vedere i falò illuminare la notte. Chi fossero le vittime non importava. Qualcuna di loro piange amaramente per essere stata messa in ginocchio economicamente. Quattordici le auto in fiamme nell’arco di appena sei giorni.

Avrebbero un volto e un nome gli autori di tali incendi avvenuti nei quartieri Coniglio, Scala Vecchia, San Michele e Fontana del Lupo. In alcuni casi le fiamme hanno danneggiato le facciate degli edifici a ridosso dei quali i veicoli erano posteggiati. S’è rischiato che ci scappasse il morto. Un’anziana che viveva da sola in un appartamento al piano terra è stata salvata dai vicini di casa. La donna ha rischiato di morire in piena notte soffocata dal fumo nero che ha invaso la sua abitazione.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X