IL VULCANO

Studio inglese: l'Etna scivola verso il mare. Ma l'Ingv rassicura: solo movimenti superficiali

CATANIA. L'Etna, il vulcano più attivo d'Europa starebbe scivolando verso il mare al ritmo di circa 14 millimetri l'anno e questo movimento potrebbe in futuro causare frane e influire sulle sue eruzioni.

Ad affermarlo è lo studio coordinato della britannica Open University e pubblicato sul Bulletin of Volcanology. Ma l'Osservatorio Etneo dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) tranquillizza perché il movimento riguarderebbe solo il fianco destro del vulcano siciliano e rileva che si tratterebbe di un movimento lentissimo, relativo solo agli strati più superficiali del sottosuolo.

Niente paura quindi, perché "non ci sono elementi per parlare di eventi imminenti o di pericolo", rileva il direttore dell'Osservatorio Etneo dell'Ingv, Eugenio Privitera. Lo studio, osserva Privitera, presenta una valutazione di pericolosità eccessiva che "non ha sufficienti evidenze a supporto".

Sono "diverse - prosegue - le perplessità in merito: la prima è che se tutto il vulcano scivolasse, si manifesterebbero tutta una serie di fenomeni, che noi nelle nostre continue osservazioni non abbiamo visto; la seconda è che, se si fosse manifestato un tale fenomeno, le attuali tecniche di rilevamento radar satellitare (InSAR, Interferometric Synthetic Aperture Radar), che permettono di misurare con estrema precisione lo spostamento della superficie del vulcano, lo avrebbero certamente registrato; infine le osservazioni fatte sul posto dagli autori dello studio sono piuttosto sporadiche, al ritmo di una l'anno e solo su un fianco del vulcano, quello orientale, mentre nello studio si parla del movimento di tutto il vulcano".

Privitera osserva infine che "secondo le nostre osservazioni solo il fianco orientale del vulcano si muove verso il mare, inoltre le valutazioni fatte da questo studio sulla pericolosità dell'Etna non presentano sufficienti evidenze a supporto. Quasi tutti i vulcani costieri hanno questi movimenti, ma sono movimenti lentissimi, che possono comportare rischi di sfiancamento ovvero di crollo di una parte importante del vulcano, ma non ci sono elementi per parlare di eventi imminenti".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X