CARABINIERI

Sottomette la convivente e la picchia, arrestato un "santone" a Santa Venerina

Come un santone, si attribuiva poteri soprannaturali e prometteva alle gente guarigioni e miracoli e intanto sottoponeva da mesi la convivente di 27 anni a vessazioni psicofisiche sfociate la notte scorsa in una vera e propria aggressione con sequestro di persona.

E’ così finito in manette a Santa Venerina un uomo di 55 anni, bloccato dai carabinieri dopo che aveva preso la ragazza a calci e pugni e l’aveva chiusa fuori dal balcone per non farle chiamare i soccorsi. Ma dal balcone la giovane, urlando a squarciagola, ha attirato l’attenzione dei vicini di casa che hanno chiamato i carabinieri.

Alla giovane la convivenza con l’uomo era costata la perdita della potestà sulla figlia di appena cinque anni, nata da una precedente relazione; la piccola era stata affidata ai nonni materni perché nel marzo scorso i giudici del Tribunale dei minori di Catania l’avevano dichiarata incapace di potersi dedicare all'educazione e crescita della bambina in virtù di un totale asservimento ai voleri del convivente.

Alla giovane, trasportata in ambulanza all’ospedale di Acireale, sono stati diagnosticati un trauma distorsivo rachide cervicale e una escoriazione all’avambraccio sinistro, giudicati guaribili in 15 giorni. Dimessa, ha potuto riabbracciare la figlioletta in casa dei suoi genitori. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X