SAN CRISTOFORO

Lite familiare a Catania, la polizia interviene e scopre armi nascoste: una denuncia

La polizia di Stato interviene a Catania per una lite tra una donna e lo zio che non voleva farla entrare in casa del padre e finisce con il trovare numerose armi: un fucile con le canne mozzate e la matricola cancellata, 20 coltelli - molti dei quali a serramanico - una pistola 'scacciacani' con 8 proiettili ed altre munizioni. È accaduto nel quartiere San Cristoforo.

A chiamare la polizia era stata la stessa donna. Quando i poliziotti hanno contattato l’uomo hanno appreso proprio da lui che in quella casa erano nascoste alcune armi. Da qui la richiesta di un intervento della polizia scientifica, la perquisizione ed il ritrovamento. Lo zio della donna è stato denunciato per detenzione abusiva di armi e alterazione delle stesse.

Armi e munizioni sono state sequestrate ed esaminate dai tecnici del Gabinetto regionale di polizia scientifica e sono scattate le indagini per accertare un loro eventuale impiego in episodi criminali

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X